1930/1931

Presidente onorarioAlberto Bonacossa
Presidente effettivoEmilio Botturi
AllenatoreEnrico Calcaterra
RuoloGiocatori con almeno una presenza in prima squadra.
PEnrico Calcaterra (C).
DGianmario Baroni, Pietro Benni, Guido Botturi, Franco Carlassare, Decio Trovati.
ATino De Mazzeri, Ignazio Dionisi, Ernesto Iscaki, Giampiero Medri, Camillo Mussi, Gianni Scotti, Luigi Venosta.

Come da tradizione per il match d’apertura in famiglia l’ingresso è gratuito, la viva e calorosa partecipazione di numerosissimo pubblico fotografa come l’hockey abbia fatto breccia tra gli sportivi milanesi. La sfida oppone gli universitari agli studenti medi. Spiccano le assenze di Roncarelli, che si è sposato ed è ancora in Canada, di Decio Trovati, in Germania per praticantato in ingegneria chimica e Luigi Redaelli, afflitto da sinovite.

23 novembre 1930 – serata propaganda HC Milano.
Studenti Medi-Universitari 7-2
Medi: Gerosa (3°t. Giorgio Scotti); Schlacht, Baroni; Venosta, Gianni Scotti, Mussi; Dionisi.
Universitari: Calcaterra; G. Botturi, Benni; Medri, De Mazzeri; Achille Trovati.
Reti Medi: Gianni Scotti 6, Venosta. Reti Univ.: De Mazzeri e autogol Giorgio Scotti.

Prima partita ufficiale il 30 novembre. Al Palazzo è di scena lo Zurigo SC, la compagine svizzera è stata costituita recentemente ed è alla prima partita in assoluto della sua storia. Gli ospiti si battono con tenacia, ma difettano inevitabilmente nel gioco d’intesa. Gli “All Blacks” milanesi, come scrive “La Gazzetta dello Sport”, sfruttano il vantaggio andando al primo riposo avanti di due reti. Lo ZSC accorcia le distanze all’ultimo minuto del secondo periodo. Nel corso dell’ultima frazione le due squadre accusano la stanchezza e il cercare la via della rete solo con tiri da lontano non muta la situazione. Purtroppo l’alta temperatura esterna ha accentuato il fenomeno della condensazione dell’umidità e nelle fasi finali la visibilità era pressoché nulla.

30 novembre 1930 – Partita amichevole.
Milano-Zurigo SC 2-1 (2-0; 0-1; 0-0)
Milano: Calcaterra; Benni, G. Botturi; De Mazzeri, Venosta, Gianni Scotti; Baroni, Mussi, Iscaki.
Zurigo SC: Wiget; Gartmann, Penchi; C. Torriani, Lenhard, Badrutt; Werth, Feierabend.
Reri: 1°t. 11′ Gianni Scotti, 13′ G. Botturi. 2°t. 19’30” Conrad Torriani. Arbitro: Luigi Redaelli.

Nelle prime tre settimane di dicembre trittico di match al Palazzo con St. Moritz, Fussen e Rosey Gstaadt. Bene le prime due, con il St. Moritz il migliore è il portiere ospite Martignoni, Due gran gol di Gianni Scotti e uno di De Mazzeri piegano i bavaresi. Sconfitta senza attenuanti con il Rosey, per l’occasione rientrava in squadra Decio Trovati, ma con pochi allenamenti alle spalle il suo inserimento non ha giovato.

1930LuogoPartite amichevoliRisultato
6 dicembreMilanoMilano-St. Moritz0-0
12 dicembreMilanoMilano-Fussen EV3-2 (1-1; 2-1; 0-0)
22 dicembreMilanoMilano-Rosey Gstaadt0-4 (0-0; 0-2; 0-2)

Nel programma di fine anno niente Spengler, tre impegni ravvicinati in Svizzera e tournée elvetica anche per la seconda squadra. Non possono espatriare Guido Botturi e Augusto Gerosa, entrambi militari. Frank Roncarelli è ancora in Canada e probabilmente tornerà solo per la prossima stagione.

1930LuogoPartite amichevoli.Risultato
27 dicembreSt. MoritzSt. Moritz-Milano1-1 (0-0; 0-1; 1-0)
28 dicembreZurigoZurigo SC-Milano1-0 (0-0; 0-0; 1-0)
30 dicembreArosaBerlino SC-Milano3-0 (2-0; 0-0; 1-0)
28 dicembre, il Milano al Dolder di Zurigo; da sinistra con la maglia con la grande M: Gianni Scotti, De Mazzeri, Baroni, Mussi, Calcaterra, D. Trovati, Iscaki, Venosta e Dionisi.

La seconda squadra (Giorgio Scotti; Schlacht, Carlassare; Marazza, Medri, Benni; Achille Trovati, Valerio, Galassi) gioca 7 partite nel Vallese: ne vince 3, ne pareggia 2 e altrettante ne perde. Giorgio Scotti e Achille Trovati sono i fratelli minori di Gianni Scotti e Decio Trovati.

Il 9 gennaio i neri tornano sul ghiaccio al Palazzo per affrontare il London Team e cinque giorni dopo altra gara con il Wiener EV. Sono test importanti, mancano tre settimana al mondiale in Polonia e la FISG non ha ancora deciso se partecipare o meno. Le prestazioni del Milano sono incolori, battuti dai londinesi e match nullo con gli austriaci, che si sono presentati con la seconda squadra. Le due serate hanno fornito esclusivamente indicazioni negative e il CONI, nella riunione del 15 gennaio, comunica al presidente FISG marchese Tornielli della rinuncia al mondiale di Krynica. Non è solo la questione economica a determinare il forfait, pesano le ultime performance dei neri; l’assenza di Roncarelli ha privato il gruppo della guida fondamentale, il militare Guido Botturi non può espatriare e Decio Trovati poco allenato per via di continui impegni professionali è fuori forma. Al Milano non resta che prepararsi per la difesa del titolo nazionale.

1931LuogoPartite amichevoli.Risultato
9 gennaioMilanoMilano-London Team0-2 (0-0; 0-2; 0-0)
14 gennaioMilanoMilano-Wiener EV II0-0
26 gennaioMilanoMilano-Bellerive Vevey10-2 (2-2; 5-0; 3-0)
1 febbraioMilanoMilano-Innsbruck AC7-0 (2-0; 2-0; 3-0)

Dal 6 febbraio al Palazzo si gioca per il campionato italiano, sei le squadre iscritte. Milano, Ortisei e Varese formano il girone A, mentre nel girone B con il Cortina ci sono altre due milanesi: la seconda del Milano e gli esordienti dell’Excelsior, che da tempo svolgono attività al Palazzo e anche in Val Ganna. Il Milano non può disporre di Decio Trovati ripartito per l’estero.

Giocatori impiegati in campionato dalle squadre milanesi.
Milano: 0 Calcaterra; 7 Baroni, 3 G. Botturi; 2 Carlassare; 6 Gianni Scotti, 5 Venosta, 4 De Mazzeri; 8 Mussi, 9 Iscaki, Dionisi e Medri.
Milano II: Giorgio Scotti, 1 De Bernardi; 2 Schlacht, 4 Benni; 3 Dionisi, 5 Medri, 6 Achille Trovati; 7 Marazza, 8 Valerio.
Excelsior: 0 Gianariotto; 1 Morandi, 2 Chiesa, 3 Redegalli, 4 Carlo Signorini, 5 Sommariva, 6 Fusi, 7 R. Muggli, 8 G. Muggli.

LuogoCampionato italiano dal 6 al 9 febbraio 1931Risultato
Girone A
MilanoOrtisei-CP Varese5-0
MilanoMilano-Ortisei12-0
Milano Milano-CP Varese16-0
Milano 4, Ortisei 2, CP Varese 0
Girone B
MilanoMilano II-Excelsior Milano5-0
MilanoExcelsior Milano-Cortina0-10
MilanoMilano II-Cortina0-4
Cortina 4, Milano II 2, CP Varese 0.
Finale 3° posto
MilanoMilano II-Ortisei3-1
Milano e Cortina: foto prima della finalissima.
9 febbraio 1931 – Finale del campionato italiano.
Milano-Cortina 6-1 (3-0; 1-1; 2-0)
Milano: Calcaterra; Baroni, G. Botturi; Gianni Scotti, Venosta, De Mazzeri; Iscaki, Dionisi, Medri.
Cortina: Roberto Zardini; Apollonio, Zambelli; Rinaldo Zardini, F. De Zanna, Zampieri; E. De Zanna, H. Lux, Maioni.
Reti: 1°t. 6′, 10′ e 13′ Gianni Scotti. 2°t. 2′ F. De Zanna, 7′ Gianni Scotti.
3°t. 6′ G. Botturi, 13′ Venosta. Arbitro: Luigi Redaelli

Per la finale il Milano recupera Guido Botturi (gioca solo la finale), nelle partite precedenti il suo posto in difesa era stato di Franco Carlassare. Non dispone del febbricitante Mussi (ha giocato le due partite precedenti), rimpiazzato da Dionisi e Medri della seconda squadra. Nel Cortina manca Leo Menardi, mentre in attacco gioca Hans Lux in prestito dal Renon. I neri ipotecano il successo in un primo tempo praticamente perfetto: incontenibile Gianni Scotti. Il periodo centrale si apre con la rete di Francesco De Zanna, tocca ancora a Scotti ristabilire le distanze. Nel terzo finale gli ampezzani danno il meglio di se stessi. Lux, Apollonio, Francesco De Zanna e Zampieri si distinguono con diversi tiri pericolosi, ma Calcaterra risponde sempre con sicurezza. Guido Botturi in contropiede e Venosta nel finale consegnano al Milano il quinto titolo di Campione d’Italia. Onore al Cortina, tecnica, pattinaggio e gioco di squadra sono nettamente migliorati, segno che le numerose partite giocate con squadre straniere sono senz’altro servite. La notevole partecipazione di pubblico, non solo per la finale, ma anche durante le eliminatorie, ha ulteriormente premiato la dirigenza milanese, che organizzando il campionato si era esposta a un rilevante rischio finanziario.

9 febbraio 1931, da sinistra in piedi: De Mazzeri, Dionisi, un dirigente, G. Botturi, Baroni, Scotti, Medri, In basso: Iscaki, Venosta, Brambilla, Redaelli e Calcaterra.

Per compensare le due finaliste la FISG contribuisce finanziariamente alle spese di un torneo internazionale a Cortina e alla doppia sfida che opporrà il Milano a Manitoba University, ovvero il Canada Campione del Mondo.

1931Torneo di CortinaRisultato
15 febbraioMilano-Riessersee SC3-0
Cortina- WAC/Moedlinger3-1
16 febbraioMilano-WAC/Moedlinger2-1
Cortina-Riessersee SC8-2

Il torneo di Cortina non giunge al termine, una tremenda bufera di neve si abbatte su tutto il bellunese, negando ai cortinesi la possibilità di misurarsi con i milanesi sulla pista amica del Revis: niente rivincita. Per il Milano c’è il doppio appuntamento con la squadra laureatasi Campione del Mondo a Krynica. Al Palazzo sono state allestite tribune supplementari e, come previsto, i biglietti vanno a ruba. I canadesi in maglia marrone con M sul petto non hanno numeri, solo i nomi dei giocatori sulla schiena.

Milano, 24 febbraio 1931 – Partita amichevole.
Milano-Manitoba Univ. 0-10 (0-4; 0-2; 0-4)
Milano: Calcaterra; G. Botturi, Baroni; De Mazzeri, Gianni Scotti, Venosta; Mussi, Dionisi, Iscaki.
Manitoba: Puttee; Williamson, Mc Vey; Mc Kenzie, Watson, Mc Callum; Pidcock, Hill, Morris.
Reti non segnalate. Arbitro: Luigi Redaelli.

Nella prima partita Watson & C. dominano i neri dall’inizio alla fine, significativo il commento de “L’Ambrosiano”: -Il gioco dei canadesi è assolutamente un’altra cosa, di una precisione implacabile e di una rapidità che ubriaca. Non allenta mai il suo ritmo ed è vario nell’alternarsi. Dai temi individuali alle azioni in linea, dai virtuosismi acrobatici e da saggi di precisione in tutto-. La sera seguente il Milano scende in pista con maggiore apprensione, Guido Botturi non ha ottenuto il permesso dalle autorità militari e gli infortunati Venosta e Iscaki restano in panchina, sul ghiaccio solo sei uomini per tutti i tre tempi. Invece ne esce una prova più brillante e Millo Mussi batte due volte Puttee, che nel mondiale di Krynica aveva mantenuta inviolata la sua rete. Canadesi più clementi? A scanso di equivoci Manitoba bissa lo spettacolo e segna undici reti.

Il Milano e i Campioni del Mondo di Manitoba.
Milano, 25 febbraio 1931 – Partita amichevole.
Milano-Manitoba Univ. 2-11 (0-3; 1-4; 1-4)
Milano: Calcaterra; De Mazzeri, Baroni; Dionisi, Gianni Scotti, Mussi; Venosta, Iscaki.
Manitoba: Puttee; Williamson, Mc Vey; Mc Kenzie, Watson, Mc Callum; Pidcock, Hill, Morris.
Reti: 1°t. Watson, Mc Callum 2. 2°t. Watson, Mussi, Watson, Mc Kenzie, Watson. 3°t. aut. Calcaterra, Pidcock 2, aut. Baroni, Mussi. Arbitro: Luigi Redaelli.

Con troppi giocatori indisponibili la dirigenza sceglie di non cercare ulteriori avversari e di chiudere la stagione con il Riessersee SC. Gli ospiti partono a spron battuto e subito si capisce che i neri hanno le pile scariche. Il match è un monologo bavarese, salva l’onore meneghino Ignazio Dionisi andando in rete nel terzo periodo quando il risultato è sullo 0-6. Il bilancio stagionale non è positivo, pesano le nette sconfitte con avversari che si ritenevano abbordabili. Senza Roncarelli la squadra ha subito un forte ridimensionamento e le troppe assenze di Decio Trovati e Guido Botturi hanno fatto capire che non c’è ancora chi può prendere il loro posto.

1931LuogoPartita amichevole.Risultato
13 marzoMilanoMilano-Riessersee SC1-6 (0-0; 0-4; 1-2)
Guido Botturi, il solo della rosa ad avere vinto i cinque “scudetti” sin qui conquistati.
Classifica marcatori stagionali del Milano.Reti
Gianni Scotti (19 presenze)17
Guido Botturi (10)5
Giampiero Medri (4)3
Luigi Venosta (17), Camillo Mussi (15) e Ignazio Dionisi (11)2
Tino De Mazzeri (17) ed Ernesto Iscaki (16)1
Mancano i marcatori delle reti a St. Moritz, Ortisei, Varese e Riessersee a Cortina.32
stagione precedentestagione successiva