1949/1950

Presidente onorarioAlberto Bonacossa
PresidenteAgostino Marzoli
AllenatoreReto Delnon
RuoloGiocatori con almeno una presenza in prima squadra.
PFranco Bollani.
DGiancarlo Bassi, Giancarlo Bucchetti, Dino Innocenti (C), Franco Rossi
AGiancarlo Bulgheroni, Reto Delnon, Ignazio Dionisi, Vincenzo Fardella, Aldo Federici, Umberto Gerli.
RinforziRoberto Gandini, Giancarlo Agazzi (Amatori Milano), Pete Bessone (NE Young Sprinters), Othmar Delnon (Losanna), Milan Matous (FIHG).

Molto più solide le basi della stagione 1949/50. Agostino Marzoli assume la presidenza, Giuseppe “Popi” Sbarbaro, la passata stagione presidente dei Diavoli Rossoneri, ricopre la seconda carica del club e nel CD spicca la presenza dell’industriale Alemagna. Non ci sarà la penuria di giocatori come lo scorso anno. Tornati alla base i protagonisti dello scudetto rossonero Bucchetti, Bulgheroni, Federici e Gerli. Squadra affidata alla guida di Reto Delnon, il più giovane dei famosi tre fratelli nazionali rossocrociati fungerà da allenatore-giocatore. Per dare maggiore consistenza alla rosa Franco Rossi e Ignazio Dionisi scenderanno ancora sul ghiaccio, mentre Gigi Venosta si è accasato all’Amatori Milano. Il ruolo che non si è riusciti a sistemare è quello del portiere, in campionato il posto da titolare se lo contenderanno l’ex amatorino Bollani e Bissanti, per i match internazionali tra i pali ci sarà Roberto Gandini che anche per questa stagione ha preferito firmare per i gialloblu delll’Amatori. Per fine anno il Milano è stato invitato a Davos dove giocherà due partite nella “Settimana internazionale dell’hockey” che, senza alcun trofeo in palio, sostituisce la Coppa Spengler. Gli organizzatori hanno scelto questa strada per poter dar modo alla squadra bavarese del Fussen di partecipare, la Germania è sempre al bando e alle squadre tedesche è consentito disputare soltanto amichevoli. La FIHG e il CONI comunicano con largo anticipo la rinuncia azzurra al mondiale in programma a Londra: livello palesemente inferiore e costi troppo alti. Allo studio con altre federazioni un torneo tra nazionali di secondo piano.

Articolo da “La Gazzetta dello Sport”.

Secondo match con il Losanna HC, nuova denominazione del Montchoisi. Il Milano ricompenserà la visita recandosi nella capitale del canton Vaud per la IX edizione della Coppa Devred.

1949Milano, Partita amichevole.Risultato
3 dicembreMilano-Losanna2-5 (1-1; 1-3; 0-1)
Losanna, Coppa DevredSemifinali
17 dicembreLosanna-Milano4-8 (0-1; 2-5; 2-2)
17 dicembreZurigo SC-Arosa4-2 (1-0; 2-2; 1-0)
Articolo da “La Tribune de Lausanne”. (2° tempo 2-5)
1949Losanna, Coppa DevredFinale 3° posto.Risultato
19 dicembreLosanna-Arosa5-3 (1-1; 1-1; 3-1)
Finale 1° posto.
19 dicembreZurigo SC-Milano7-2 (2-1; 2-0; 3-1)

Campioni svizzeri in carica condotti alla vittoria dal canadese Tommy Durling e dallo svedese Andy Lindquist. Il Milano si è battuto bene, spronato è incitato a gran voce dal pubblico losannese, indispettito dal gioco pesante dei rossoblu zurighesi nel match con l’Arosa, conclusosi con un pugilato generale dopo un durissimo intervento ai danni del grigionese Hans Martin Trepp, trasportato all’ospedale per commozione cerebrale.

Articolo da “Il Corriere della Sera”. Zurigo SC e jugoslavi assenti, presenti SC Berna e Fussen EV.

A Davos il Milano disputa due partite (Davos e Gota Stoccolma), sul ghiaccio gli stessi uomini del torneo di Losanna: Gandini; Bucchetti, Innocenti; Bassi, Bulgheroni; Fardella, Reto Delnon, Federici; Agazzi, Gerli, Matous. Gandini e Agazzi i rinforzi dall’Amatori Milano, Matous ancora tesserato dalla FIHG può giocare e allenare tutte le squadre italiane.

1949Davos – Settimana internazionale.Risultato
27 dicembreDavos-Milano9-2 (3-0; 5-2; 1-0)
28 dicembreGota-Milano9-6 (3-3; 4-1; 2-2)

Prima del rientro in Italia altro doppio impegno in Svizzera: a Neuchatel e a Visp (LNB) due vittorie. Nel largo successo ottenuto nel Vallese bianco-rosso-azzurri tutti in gol, compreso il portiere Bollani a segno su rigore!

1949Partite amichevoli.Risultato
Neuchatel, 29 dicembreNE Young Sprinters-Milano3-5 (0-2; 1-0; 2-3)
Visp, 30 dicembreVisp-Milano3-19

Il primo match dell’anno nuovo è un derby con i Diavoli Rossoneri che, persi i migliori giocatori italiani, hanno costruito una squadra la cui ossatura è composta da austriaci (Huber, Potucek, Juhn e Holzer) e boemi (Suchoparek e Novak). Per questa partita i rossoneri schierano anche il rinforzo Matous. Nel Milano, oltre agli amatorini Gandini e Agazzi, annunciata la presenza di Othmar Delnon che invece non sarà della partita.

Articolo da “Il Corriere Lombardo”.
Articolo da “La Gazzetta dello Sport”.
Il disco sul bastone di Reto Delnon, di spalle con il n. 10 Aldo Federici. (Lo Sport Illustrato)

Dal giorno dell’Epifania si gioca per il campionato, stesso format della stagione precedente: tre gironi e le prime classificate alla fase finale. Alleghe, Auronzo e Ortisei le sedi del primo turno. Il CD dei Diavoli Rossoneri visto l’esiguo numero di giocatori italiani a disposizione e l’impossibilità di tesserare i fratelli Glisenti e Bibbia (tesserati dal St. Moritz) decide di non partecipare al campionato.

Prima fase del campionato italiano.Risultato
Alleghe – Girone A (Alleghe, Asiago e Milano)
6 gennaio 1950, Alleghe-Asiago7-4
7 gennaio 1950, Milano-Asiago21-2 (5-0; 7-1; 9-1)
8 gennaio 1950, Alleghe-Milano0-14 (0-3; 0-7; 0-4)
Milano punti 4, Alleghe 2, Asiago 0.Qual. Milano
Auronzo – Girone B (Auronzo, Diavoli Rossoneri e Cortina)
7 gennaio 1950, Auronzo-Cortina5-9 (2-2; 2-5; 1-2)
Diavoli Rossoneri ritirati.Qual. Cortina
Ortisei – Girone C (Amatori Milano, Bolzano e Ortisei)
6 gennaio 1950, Ortisei-Bolzano5-0 (3-0; 1-0; 1-0)
7 gennaio 1950, Amatori Milano-Bolzano2-2 (1-0; 0-1; 1-1)
8 gennaio 1950, Ortisei-Amatori Milano1-3 (0-1; 1-1; 0-1)
Amatori Milano punti 3, Ortisei 2, Bolzano 1.Qual. Amatori Milano

Il Milano si prepara alla fase finale affrontando al Palazzo il Neuchatel Young Sprinters. Nella dodicesima gara stagionale gli unici rinforzi sono Gandini e Agazzi dell’Amatori. Per la prima volta “La Gazzetta dello Sport” definisce Innocenti & C. “nerazzurri”.

Articolo da “La Gazzetta dello Sport”.

Fase finale del campionato a Milano. Alla squadra campione verrà assegnata la Coppa Challange, opera dell’ex giocatore Gianni Scotti. Il basamento tondo in bronzo reca i nomi dei campioni dal 1925 e ha spazio per gli anni a venire. Sostiene una scultura in marmo che rappresenta una porzione di pista sulla quale spiccano tre figure di giocatori in azione.

Milano Girone finale campionato italiano 1949/50
15 gennaio, Milano-Amatori Milano 9-5 (3-0; 4-2; 2-3)
Milano: Bollani; F. Rossi, Bassi; Bucchetti; Fardella, Federici, Gerli; Bulgheroni, Innocenti, Dionisi.
Amatori MI: Gandini; Maiocchi, Carlassare; T. Rossi, Mainoldi; Taroni, Segurini, Venosta; Levi, Agazzi, Signorini.
Reti Milano: Dionisi (4), Fardella (2), Innocenti (2), Federici.
Reti Amatori: Venosta (3), Agazzi, Signorini. Arbitro: Galetti.
16 gennaio, Amatori Milano-Cortina 3-2 (1-0; 1-2; 1-0)
17 gennaio, MilanoCortina 7-4 (2-0; 4-3; 1-1)
Milano: Bollani; Bassi, Bucchetti; F. Rossi; Innocenti, Fardella, Bulgheroni, Federici, Gerli, Dionisi.
Cortina; Bernardi; A. Apollonio, Frener; R. e A. Menardi; Dadiè, C. Apollonio, Pompanin; Zardini, D’Andrea, Ghiretti.
Reti: 1°t. 6′ Bulgheroni, 7′ Dionisi. 2°t. 5′ Pompanin, 6’Fardella, 8′ Innocenti, 9′ Federici, 10′ Pompanin, 11′ Dadiè, 17′ Gerli. 3°t. 1′ Federici, 6′ A. Apollonio.
Arbitri: Zopegni e Galetti.
Milano punti 4, Amatori Milano 2, Cortina 0. Milano campione d’Italia.
Giocatori impiegati in campionato dal Milano.
Bollani; Bassi, Bucchetti; F. Rossi; Innocenti, Fardella, Bulgheroni, Federici, Gerli, Dionisi.

Alla conquista dell’undicesimo titolo tricolore, con lo sportivissimo gesto del presidente dei Diavoli Rossoneri Parisio che al termine dell’ultima partita ha consegnato la Coppa Challange ai neo-campioni, nuova gara da gran pienone con l’arrivo al Piranesi del Davos capoclassifica in LNA. Il Milano è quello degli impegni internazionali con Gandini, Agazzi e l’allenatore-giocatore Reto Delnon. Palazzo gremitissimo e inaspettata vittoria!

Articolo da “La Gazzetta dello Sport”.

La stagione prosegue con altri due appuntamenti da primo piano assoluto: derby con i Diavoli Rossoneri e sfida spettacolo con i magistrali Edmonton Mercurys che rappresenteranno il Canada nel mondiale londinese.

Articolo da “La Gazzetta dello Sport”.

Un pubblico numeroso ed entusiasta non resiste al richiamo della Nazionale canadese e riempie il Piranesi in ogni ordine di posti. Edmonton sbalordisce tessendo con estrema facilità in tutte le azioni una fitta trama di passaggi, tutti di prima. Numerosi e precisi i tiri, da ogni posizione, attaccando e difendendo con una velocità assolutamente fuori portata per i milanesi. Milano privo di Bulgheroni, al suo posto spostato in avanti Innocenti; suo il gol della bandiera. In difesa ha giocato da rinforzo Pete Bessone.

Milano, 30 gennaio 1950 – Partita amichevole.Risultato
Milano-Edmonton Mercurys 1-12 (0-6; 1-3; 0-3)

In febbraio inizia la preparazione della Nazionale per l’annunciato torneo tra squadre non di primo piano. Si gioca in Olanda, oltre ai padroni di casa partecipano Belgio, Francia e Italia. Guida tecnica affidata a Reto Delnon. Gli azzurri non scendono in pista dai Giochi di St. Moritz; Bolla, Agazzi, Zerbi e Dino Riva gli esordienti.

RuoloTorneo Europa occidentale – Convocati.
PVittorio Bolla e Antonio Fresia (DRN)
DGiancarlo Bassi, Giancarlo Bucchetti (Milano), Guerrino Beltrami (Losanna), Armando Apollonio (Cortina), Giuseppe Zerbi (DRN), Dino Riva (Alleghe).
ADino Innocenti (C), Giancarlo Bulgheroni, Vincenzo Fardella, Aldo Federici, Umberto Gerli (Milano), Giancarlo Agazzi (Amatori MI), Mario Bedogni (DRN).
Capo delegazione e arbitro: Gherardo Galetti. Massaggiatore: Modesto Imboldi.
Amsterdam, 14 febbraio 1950Francia-Italia6-3 (1-0; 4-0; 1-3)
Amsterdam, 15 febbraio 1950Italia-Belgio7-4 (0-2; 4-1; 3-1)
L’Aja, 16 febbraio 1950Olanda-Italia7-3 (1-0; 1-1; 5-2)
Francia-Italia 6-3; da sinistra Bolla, Bassi e Agazzi.
Classifica marcatori azzurri al torneo Europa occidentale.Reti
Aldo Federici4
Giancarlo Agazzi3
Guerrino Beltrami e Umberto Gerli2
Mario Bedogni e Dino Innocenti1

Belgio, Francia e Olanda vanno a Londra per il mondiale; si classificheranno agli ultimi tre posti. Gli azzurri, come stabilito a inizio stagione, non partecipano e nel mese di marzo il Milano e le altre due milanesi chiudono l’annata hockeistica con stracittadine e squadre straniere. Nei derby l’Amatori schiera numerosi e validi rinforzi.

1950Milano – Partite amichevoli.Risultato
9 marzoAmatori Milano-Milano10-9 (1-4; 6-2; 3-3)
25 marzoMilano-Zurigo SC7-2 (1-0; 5-1; 1-1)
Milano – Coppa Bruciamonti e Marazza
26 marzoDiavoli Rossoneri-Milano6-2 (0-1; 4-0; 2-1)
Articolo da “Il Corriere della Sera”.
Classifica marcatori stagionali del Milano.Reti
Vincenzo Fardella e Aldo Federici (entrambi 20 presenze)25
Reto Delnon (16)22
Umberto Gerli (20)15
Ignazio Dionisi (7)14
Dino Innocenti (20)12
Giancarlo Bulgheroni (19)8
Giancarlo Agazzi (15)5
Giancarlo Bassi (18), Giancarlo Bucchetti (20), Milan Matous (4)2
Othmar Delnon (1)2
Franco Bollani e autogol.1
Mancano i marcatori della partita Milano-Zurigo SC 7-2.
stagione precedentestagione successiva
Diavoli Rossoneri
Amatori Milano e Bocconi Milano