1953/1954 DRN

Presidente fino al 5 gennaio 1954De Dionigi
Commissario straordinarioVittorio Fresia
Allenatore Gino Bestagini
RuoloGiocatori con almeno una presenza in prima squadra.
PAntonio Fresia, Tony Parisi, Reimbelli.
DGiancarlo Bucchetti, Ray Dinardo, Renato Lesma, Sandor Ott, Gar Vasey.
AAmbrogio Abbascià, Mario Bedogni, Giancarlo Bonalanza, Franco Canepa, Federico Cerutti, Mike Daski, Emilio Delfino, Ernie Domenico, Farina, Aldo Federici, Moe Fife, Gusella, Magnani, Sante Olivieri, Bernardo Tomei, Vicario.
RinforzoLou Frapporti (Milano Inter).

De Dionigi ancora al vertice della società, i suoi principali collaboratori sono i consiglieri Renato Besostri, Gianni Lappi e il segretario Vittorio Fresia. Constatata l’impossibilità di riavere Ronald Sartor e Joe De Felice, notevole la campagna acquisti. Primo punto di forza il ritorno in rossonero di Ernie Domenico, con lui altri quattro canadesi dal passato molto positivo: gli avanti Mike Daski, Moe Fife e i difensori Gar Vasey e Ray Dinardo. Tra i ragazzi portati in Italia da Pete Bessone scelti l’attaccante Bernardo Tomei e il portiere Tony Parisi. Per Bessone l’estremo difensore vale il 70% della squadra. Tomei e Parisi possono giocare in Nazionale e la Federazione gioisce. Optando per i canadesi a malincuore si è rinunciato a Spike Bremner, lo scozzese giocherà ancora in Italia: si è accasato all’Auronzo. Il 31 ottobre gara d’apertura della stagione.

In piedi da sinistra: Vasey, Bedogni, Ott, Dinardo, Federici, Fife, Dasky, Bucchetti. In prima fila: Delfino, Loffredo, Parisi, Domenico e Magnani.
Articolo da “La Gazzetta dello Sport”.

Con un parco giocatori del genere i rossoneri partono per la prima tournée. Dalle partite in Germania e Olanda una prima autorevole risposta sulla reale forza della squadra.

1953Partite amichevoli.Risultato
Norimberga, 4 novembreNorimberga-Diavoli Rossoneri1-13 (0-3; 1-9; 0-1
Bad Nauheim, 6 novembreBad Nauheim-Diavoli Rossoneri1-7 (0-1; 0-3; 1-3)
Krefeld, 7 novembrePreussen Kr.-Diavoli Rossoneri3-5 (0-1; 1-3; 2-1)
Krefeld, 8 novembrePreussen Kr.-Diavoli Rossoneri1-11
Krefeld, 10 novembreKrefeld EV-Diavoli Rossoneri3-8 (2-2; 0-2; 1-4)
L’Aja, 11 novembreL’Aja-Diavoli Rossoneri0-9 (0-2; 0-0; 0-7)

Escludendo il Norimberga, le altre squadre tedesche giocano nel massimo campionato. La stampa locale elogia i rossoneri solo in occasione della vittoria di Bad Nauheim e, pur ammettendo la bravura della squadra milanese, sottolinea il gioco duro a cui ricorrono volentieri i canadesi. Grande attesa per il ritorno in pista al Piranesi per il match con i campioni svizzeri dell’Arosa.

1953Milano – Partita amichevole.Risultato
14 novembreDiavoli Rossoneri-Arosa9-6 (0-2; 8-0; 1-4)

Partita in calendario lo stesso giorno di Italia-Austria a Bolzano; rossoneri senza nazionali e Dinardo influenzato. A Vasey, unico difensore disponibile, viene affiancato il rinforzo nerazzurro Frapporti. Grigionesi privi di Hans Martin Trepp, ma i Diavoli erano solo in nove.

Articolo da “Il Corriere della Sera”.
1953Nazionale – Partite amichevoli.Risultato
Bolzano, 14 novembreItalia-Austria3-1 (0-0; 0-0; 3-1)
Milano, 20 novembreItalia-Germania6-5 (1-0; 3-1; 2-4)
Bolzano, 21 novembreItalia-Germania sosp. al 18′ del 3°t.4-3 (1-0; 1-2; 2-1)

Programmate due partite a Bolzano e una al Palazzo ospite il Losanna. Dall’inizio della stagione bolzanini senza portiere titolare e in attesa del ritorno di Ferraris. Dopo l’austriaco Huber è il turno di Bernardi. Per questa annata i Diavoli Rossoneri presteranno Gino Loffredo che, chiuso da Parisi e Fresia, avrà maggiori possibilità di giocare.

1953Partite amichevoli.Risultato
Bolzano, 28 novembreBolzano-Diavoli Rossoneri3-13 (1-6; 0-6; 2-1)
Bolzano, 29 novembreBolzano-Diavoli Rossoneri6-13 (2-2; 3-8; 1-3)
Milano, 4 dicembreDiavoli Rossoneri-Losanna15-5 (4-0; 7-0; 4-3)

In seno al CD qualcosa si è incrinato. Renato Besostri, per divergenze con il resto del consiglio, ha rassegnato le dimissioni. Nessuna ulteriore notizia relativa al caso. Continuerà a rappresentare i Diavoli Rossoneri come arbitro. Altra sosta per impegni della Nazionale. Abbondanza di attaccanti; Bestagini e Bessone lanciano la coppia difensiva Federici-Bedogni.

1953Partite amichevoli.Risultato
Vienna, 5 dicembreAustria-Italia1-0 (0-0; 0-0; 1-0)
Milano, 9 dicembreItalia-Svizzera5-2 (2-0; 1-0; 2-2)

A Vienna gara decisa da un errore di Gioia che ha servito involontariamente il disco a Hafner, autore dell’unico gol della serata. Storica vittoria degli azzurri: battuta per la prima volta la Nazionale maggiore rossocrociata. Pur criticando i propri giocatori per la sconfitta i quotidiani elvetici mettono in rilievo l’assenza degli “assenteisti” dell’Arosa: Hans Martin Trepp e i fratelli Poltera, la migliore linea offensiva della LNA.

Il 16 dicembre lo scontro tanto atteso: derby con in palio la V Coppa città di Milano. Nerazzurri con nove partite alle spalle: otto vittorie e una sola sconfitta. I rossoneri, pur non giocando nessun torneo e privilegiando gli ingaggi, hanno fatto ancora meglio: undici match tutti vinti!

DRN: 1 Parisi; 5 Federici, 3 Vasey; 4 Bucchetti; Fife, 6 Daski, 7 Domenico; 2 Ott, 11 Tomei, 9 Bedogni.
Milano Inter: 1 Bolla; 4 Fontana, 2 Frapporti; 9 Demers; 5 Agazzi, 8 Crotti, 10 Dennison; 11 Gerli, 12 Mc George, 7 Gioia; 6 Branduardi.
Reti: 1°t. 19’30” Daski. 2°t. 3′ Daski (Vasey), 7’30” Domenico. 3°t. 14’30” Domenico, 16′ Fife (Domenico).
Arbitri: Hauser (Berna) e Braun (Zurigo).
Da sinistra: Vasey, Bolla (1), Fontana (4), Mc George, Gioia e Daski. (Lo Sport Illustrato)

Ad Ambrì si inaugura la nuova tribuna, match tra Svizzera B e Italia. Dopo una notte e mattinata serene scende una pioggerella frammista a neve, di conseguenza il ghiaccio è andato via via rovinandosi. Si pensava al rinvio, ma con il successivo abbassarsi della temperatura si è deciso di giocare. Finisce in parità, gli azzurri hanno attaccato a lungo, ma senza entusiasmare. Prima dell’inizio la cerimonia inaugurale. Crotti e il portiere elvetico Kaeser i migliori in campo.

Ambrì, 20 dicembre 1953 – Partita amichevole.
Svizzera B-Italia 1-1 ( 0-0; 0-0; 1-1)
Svizzera B: Kaeser; U. Frei, Bianchi; P. Cattin, Miescher; Peter, Morger, Brunold; Tino Celio, Keller, Germano Juri.
Italia: Parisi; Fontana, Tucci; Federici, Bucchetti; Bedogni; Agazzi, Crotti, Branduardi; Gerli, Tomei, Gioia.
Reti: 3°t. 8’30” Germano Juri, 9’20” Tomei (Gioia).
Arbitri: Galetti (Italia) e Lutta (Svizzera).

Diavoli con le gambe in spalla, da Natale all’Epifania in viaggio per un’altra tournée. Otto partite in Austria, Germania, Svizzera, Francia e per finire puntatina a Cortina. A riguardo del CD rossonero “La Gazzetta dello Sport” segnala nuove complicazioni, ma specifica che ai contrasti è stato posto rimedio.

1953Partite amichevoli.Risultato
Innsbruck, 25 dicembreInnsbruck EV-Diavoli Rossoneri0-2 (0-1; 0-1; 0-0)
Fussen, 26 dicembreFussen EV-Diavoli Rossoneri1-7 (0-2; 1-2; 0-3)
Bad Toelz, 27 dicembreBad Toelz-Diavoli Rossoneri0-7 (0-2; 0-1; 0-4)
Visp, 31 dicembreVisp-Diavoli Rossoneri0-10
1954
Chamonix, 2 gennaioChamonix-Diavoli Rossoneri0-14
Chamonix, 3 gennaioRappr. Francese-Diavoli Rossoneri1-6 (0-1; 0-2; 1-3)
Friborgo, 4 gennaioHC Gottéron-Diavoli Rossoneri2-10 (1-2; 0-4; 1-4)

La marcia trionfale continua: diciannove partite, diciannove vittorie. Il 5 gennaio, mentre la squadra è in viaggio verso Cortina, la notizia che non ti aspetti: il presidente De Dionigi ha rassegnato le dimissioni, il segretario Vittorio Fresia assume l’incarico di commissario straordinario. Dai giornali nessuna spiegazione sul perché di tale terremoto, intanto è stato tesserato Sante Olivieri, canadese assegnato al Cortina, ma tagliato dagli ampezzani a metà dicembre.

Cortina, 6 gennaio 1954 – Partita amichevole e annullata dalla FISG.
Cortina-Diavoli Rossoneri 2-9 (1-3; 1-3; 0-3)

Ghiaccio sgomberato dalla neve appena prima dell’inizio. Cortina rinforzato dai bolzanini Millard e Gardner. I rossoneri sono privi dei Nazionali impegnati in Germania (4-9 e 0-2), per arrivare a un numero decente di giocatori schierano cinque stranieri: Vasey, Dinardo, Fife, Domenico e Daski. La regola FISG prevede per incontri tra italiane un massimo di quattro. Come accaduto in novembre a Bolzano il match è annullato. L’arbitro Amelio De Zanna riceve l’ammonizione (non doveva arbitrare) e i Diavoli Rossoneri una multa di 50.000 lire. Non vengono presi provvedimenti nei confronti dei giocatori per non falsare il campionato. Le rogne non vengono mai sole (dimissioni De Dionigi). Antonio Fresia in una coraggiosa uscita è stato colpito al capo da un pattino di Gardner: sette punti di sutura al cuoio capelluto. Serio infortunio a Ernie Domenico che ha subito un tremendo colpa a una mano. L’esame radiografico ha evidenziato una frattura alla terza falange dell’anulare destro e tra tre giorni scatta il campionato.

Le partecipanti sono otto e per la prima volta la formula prevede un girone unico, ma le squadre si incontrano tra di loro solo in un’occasione. La Federazione lascia la scelta del fattore campo ai club, le milanesi giocheranno a Milano solo il derby che, salvo sorprese, sarà la partita che assegnerà lo scudetto. Gli stranieri scelti da Bestagini sono Ernie Domenico e Mike Daski. L’ultima in classifica giocherà una partita di spareggio con la vincente della serie B, chi vince resta in serie A.

Campionato italiano.Partite.Risultato
Alleghe, 9 gennaio 1954Alleghe-Diavoli Rossoneri1-12 (1-2; 0-2; 0-8)
Asiago, 10 gennaio 1954Asiago-Diavoli Rossoneri2-22 (0-8; 2-8; 0-6)
Articolo da “La Gazzetta dello Sport”.
Articolo da “La Gazzetta dello Sport”.

L’Alleghe ha tenuto tenacemente testa ai Diavoli per quaranta minuti. Gli agordini in pista senza stranieri, dubbi sul tesseramento di Hoschtitzky, mentre Specht dovrebbe giocare le prossime partite. Nei Diavoli Domenico ha giocato a mezzo servizio. Molto più agevole la trasferta di Asiago, sola squadra del campionato composta interamente da giocatori italiani. Domenico tenuto precauzionalmente a riposo in vista del derby, la sua parte l’ha recitata Mike Daski realizzando ben nove reti: un record.

Da “La Gazzetta dello Sport”.

La più incredibile delle partite. Nonostante Ernie Domenico non fosse nelle migliori condizioni fisiche i rossoneri sembravano viaggiare sul velluto. Milano Inter con Bollani tra i pali. Rossoneri avanti 6-3 al secondo minuto dell’ultima frazione. Nei diciotto minuti finali i nerazzurri giravano clamorosamente il match in loro favore. Bucchetti e Federici sul ghiaccio per quasi tutti i sessanta minuti, rari cambi, in pratica non hanno mai avuto la possibilità di riprendere fiato. Dopo ventuno vittorie consecutive è arrivata la prima sconfitta della stagione che costerà inevitabilmente la perdita dello scudetto. Problemi di cassetta riportano i rossoneri in Svizzera, dopodiché di nuovo il campionato con Cortina e Auronzo.

1954Partite amichevoli.Risultato
Neuchatel, 19 genn.NE Young Sprinters-Diavoli Rossoneri0-7 (0-3; 0-3; 0-1)
La Chaux de Fonds, 20 genn.La Chaux de Fonds-Diavoli Rossoneri3-16 (0-4; 1-7; 2-5)

3.500 spettatori per una grande esibizione dei rossoneri a Neuchatel, gli Young Sprinters sono l’unica squadra in grado di contendere al fortissimo Arosa il primato in LNA. Domenico (4), Daski (2) e Vasey gli autori delle reti. La Chaux de Fonds di Othmar e Reto Delnon sempre in LNB, lotta per salire, ma non ci riesce mai. In 3.000 sugli spalti della nuova patinoire per assistere alla passeggiata dei Diavoli. Salta il terzo impegno (Ambrì Piotta), in Leventina il ghiaccio è impraticabile.

Campionato italiano.PartiteRisultato
Cortina, 23 gennaioCortina-Diavoli Rossoneri2-4 (0-1; 0-1; 2-2)
Auronzo, 24 gennaioAuronzo-Diavoli Rossoneri5-20 (1-4; 2-7; 2-9)
Da “La Gazzetta dello Sport”.

Grande prova del Cortina che ha impegnato i Diavoli oltre ogni aspettativa. Terrificante il tiro di Domenico che ha propiziato il primo gol. Nel periodo centrale dominio della squadra di casa, molte conclusioni senza profitto e quasi allo scadere raddoppio di Domenico in contropiede. All’inizio del terzo tempo Gianfranco Da Rin e l’americano Andrew Gambucci (nazionale USA a Oslo 1952) agguantavano il pareggio. Totale equilibrio fino a cinque minuti dal termine, quando il Cortina andava letteralmente in crisi e i rossoneri portavano a casa i due punti con le reti di Bucchetti e Bedogni. Ad Auronzo show della coppia Domenico-Daski, il primo segna sette reti e il secondo eguaglia il suo record andando in gol per nove volte. L’ex Spike Bremner segna tre dei cinque gol aurontini.

Articolo da “La Gazzetta dello Sport”.

Se non ci sono impegni in campionato i Diavoli si mettono in viaggio: altro giro hockeistico della Svizzera. Bisogna concedere la rivincita all’Arosa che si appresta a vincere il quarto titolo consecutivo e questa volta i campioni rossocrociati sono al completo. Tappe a Davos, St. Moritz, Ambrì e Losanna, squadra deputata alla retrocessione e costretta a ricorre a rinforzi in massa. A fine mese il Losanna perderà lo spareggio promozione/retrocessione con il St. Moritz e cederà il posto in LNA ai grigionesi dell’Engadina.

1954Partite amichevoli.Risultato
Arosa, 26 gennaioArosa-Diavoli Rossoneri3-11 (1-3; 2-3; 0-5)
Davos, 27 gennaioDavos-Diavoli Rossoneri4-7 (1-2; 2-3; 1-2)
St. Moritz, 28 gennaioSt. Moritz-Diavoli Rossoneri3-13 (0-3; 1-4; 2-6)
Ambrì, 3 febbraioAmbrì Piotta-Diavoli Rossoneri3-7 (0-1; 1-3; 2-3)
Losanna, 4 febbraioLosanna-Diavoli Rossoneri2-17 (1-1; 1-4; 1-12)
Articolo da “La Gazzetta dello Sport”.
Da “La Gazzetta dello Sport”.
Articolo da “La Gazzetta dello Sport”.

In campionato ai Diavoli restano da giocare due partite: Ortisei e Bolzano. I rossoneri rientrano da Losanna e confermano l’immediata partenza per la Scandinavia. Lo scudetto è ormai assegnato al Milano Inter e del secondo posto non importa un gran ché. Il lacunoso regolamento del torneo non specifica nessun obbligo di schierare la formazione migliore e i rossoneri confermano che a Ortisei e Bolzano schiereranno la squadra allievi. A Ortisei non fanno una piega, mentre i dirigenti bolzanini raggiungono un accordo con quelli milanesi. Bolzano-Diavoli Rossoneri valevole per il campionato si giocherà quando Domenico e soci torneranno dalla Svezia, con la pista artificiale problemi di date non esistono: salvaguardato il tutto esaurito con grasso incasso annesso.

Campionato italiano.Partita.Risultato
Ortisei, 7 febbraioOrtisei-Diavoli Rossoneri12-1 (1-0; 4-0; 7-1)
Articolo da “La Gazzetta dello Sport”.

I gardenesi si prendono i due punti e ringraziano. Gli allievi rossoneri avevano già incrociato i bastoni con i pari categoria dell’Ortisei a metà gennaio nella finale per il terzo posto del torneo “Speranze Azzurre” giocato a Bolzano. Anche in quella occasione severa sconfitta, ma con l’attenuante di essersi presentati al PalaFiera con sei giocatori.

Da “La Gazzetta dello Sport”.

Il giorno 8 di febbraio i Diavoli Rossoneri sono a Helsinki per la prima partita della tournée scandinava. Più che una tournée è un “tour de force”, ma esigenze di cassetta lo impongono.

1954Partite amichevoli.Risutato
Helsinki, 8 febbraioIFK Karhu Kissat-Diavoli Rossoneri3-7
Tampere, 9 febbraioTampere BK-Diavoli Rossoneri0-5 (0-2; 0-2; 0-1)
Hameenlinna, 10 febbraioTarmo-Diavoli Rossoneri2-10 (1-4; 1-5; 0-1)
Rauma, 11 febbraioLukko Rauma-Diavoli Rossoneri1-8 (1-1; 0-4; 0-3)
Moe Fife in azione a Helsinki.
Tony Parisi respinge un attacco dell’IFK.

La comitiva si sposta in Svezia. Lungo viaggio, dapprima via mare, quindi raggiunta Tranas con un treno della notte. La formazione locale, serie B svedese, sorprende e batte i rossoneri, ma la sensazione è che la causa della sconfitta sia dovuta alle quattro partite precedenti e soprattutto allo sfibrante viaggio di trasferimento in Svezia.

1954Partita amichevole.Risultato
Tranas, 12 febbraioTranas AIF-Diavoli Rossoneri5-3 (3-1, 0-1; 2-1)
Diavoli Rossoneri a Tranas. (Giornale svedese)

Finalmente un giorno di pausa. Attese le sfide con i campioni nazionali del Sodertalje SK e l’AIK Solna, squadra famosa, incappata l’anno precedente nella retrocessione, ma immediatamente risalita in serie A.

1954Partite amichevoli.Risultato
Hagfors, 14 febbraioHagfors-Diavoli Rossoneri3-7 (2-2; 1-3; 0-2)
Sodertalje, 16 febbraioSodertalje SK-Diavoli Rossoneri3-5 (0-2; 3-1; 0-2)
Stoccolma, 17 febbraioAIK Solna-Diavoli Rossoneri3-5 (1-2; 1-2; 1-1)
Resoconto match di Sodertalje. Nonostante -16° presenti 800 spettatori.
Presentazione AIK-DRN. Nella formazione svedese con il n. 6 Kurt Hamrin ala destra della Nazionale di calcio. Giocherà in diverse squadre italiane, con il Milan, tra l’altro, vincerà la Coppa dei Campioni nel 1969.
1954Partite amichevoli.Risultato
Forshaga, 19 febbraioForshaga IF-Diavoli Rossoneri5-9 (1-3; 3-2; 1-4)
Linkoping, 21 febbraioDerby-Diavoli Rossoneri2-12 (1-4; 1-3; 0-5)
Alvesta, 22 febbraioAlvesta SK-Diavoli Rossoneri3-14 (0-5; 1-5; 2-4)
Derby Linkoping-DRN 2-12 (foto da giornale svedese).
DRN vittoriosi ad Alvesta.
1954Partita amichevole.Risultato
Tranas, 23 febbraioTranas AIF-Diavoli Rossoneri0-9 (0-3; 0-3; 0-3)
Grande rivincita dei Diavoli a Tranas.
1954Partite amichevoli.Risultato
Vaxjo, 24 febbraioSel. Smaland-Diavoli Rossoneri1-10 (0-3; 1-3; 0-4)
Helsingborg, 25 febbraioSel. Scania-Diavoli Rossoneri0-16 (0-3; 0-5; 0-8)
DRN-Vaxjo rinforzato (Smaland Sel.) 10-1.

Tournée conclusa. 14 partite, una sola sconfitta a Tranas: messe in chiaro le cose nella rivincita di undici giorni dopo. “La Gazzetta dello Sport” annuncia il trasferimento della squadra in Germania per una serie di altre partite, ma ciò non avviene. I Diavoli Rossoneri rientrano a Milano e si accordano con il Bolzano per giocare l’ultima partita di campionato il 6 marzo.

Bolzano, 6 marzo 1954 – Campionato italiano.
Bolzano-Diavoli Rossoneri 3-7 (0-2; 2-3; 1-2)
Bolzano: Ferraris; Matous, Tucci; Morlacchi; Bortolaminelli, Blondin, Frasco; Mencarelli, Peter Resch.
Diavoli Rossoneri: Parisi; Bucchetti, Federici; Bedogni, Domenico, Daski; Tomei.
Reti: 1°t. 8′ e 9′ Domenico. 2°t. 6′ Domenico, 7′ Blondin. 15′ Federici, 16′ Domenico, 17′ Tucci. 3°t. 4′ Domenico, 12′ Blondin, 17′ Daski.
Arbitri: Demetz (Ortisei) e Munarin (Auronzo).

PalaFiera gremito in ogni ordine di posti, bene ha fatto la dirigenza bolzanina ad aspettare il rientro dei rossoneri dalla tournée in Scandinavia. La partita è iniziata in ritardo a causa di un imprevisto: milanesi in pista poco dopo il loro arrivo a Bolzano. Lo spettacolo offerto dalle due squadre non ha deluso il numeroso pubblico presente. Bolzano sconfitto con onore, Parisi ha difeso la sua porta con grande bravura, ma con un Domenico così in forma c’era poco da fare. Nel secondo periodo “animata discussione” tra Bedogni e Morlacchi, gli arbitri hanno fatto loro smaltire i bollenti spiriti in panca puniti.

Classifica finale campionato di serie A.Punti
Milano Inter14
Bolzano10
Diavoli Rossoneri10
Cortina8
Auronzo6
Ortisei6
Alleghe2
Asiago0

L’Asiago perde lo spareggio promozione/retrocessione con il Torino (15-2) e retrocede in serie B.

Classifica marcatori stagionali dei Diavoli Rossoneri.Reti
Ernie Domenico (41 presenze)111
Mike Daski (41)109
Moe Fife (35)84
Gar Vasey (35)30
Bernardo Tomei (39)24
Aldo Federici (39)21
Mario Bedogni (35) e Sante Olivieri (18)8
Ray Dinardo (32)6
Giancarlo Bucchetti (39) e Sandor Ott (21)5
Ambrogio Abbascià (3)2
Vicario (3) e Lou Frapporti (1)1
Mancano i marcatori di 31 gol: Innsbruck (2), Arosa (11), Davos (7), Lukko (8) e Sel. Smaland (3).

47 partite: 45 vittorie e 2 sole sconfitte. Grande squadra per una grande stagione, ma la bacheca dei Diavoli si è arricchita della sola Coppa citta di Milano. Le due prestigiose vittorie sull’Arosa e lo spettacolo offerto in tutta Europa dai canadesi dei rossoneri hanno convinto gli organizzatori della Coppa Spengler ad invitare entrambe le formazioni milanesi. Nessuno si immagina che la stagione appena conclusa è quella del tramonto della società nata nel 1933. La crisi societaria apertasi in gennaio non troverà soluzioni, mancando il sostegno del Milan Calcio e non trovandosi personaggi disposti a raccoglierne l’eredità, il club continuerà l’attività basandosi esclusivamente sulla grande passione di Gino Bestagini.

stagione precedentestagione successiva
Hockey Club Milano
Amatori Milano e Bocconi Milano